News

news

9/04/2017 22:47

Palermo, agonia senza eutanasia

L'agonia continua per il Palermo, che come era ampiamente prevedibile perde al Meazza contro il Milan.
 
Qualcuno potrebbe affermare che non sono queste le partite da vincere per una squadra che ha come obiettivo la salvezza, ma provate a chiedere ai tifosi del Crotone che non avevano una partita semplice e che invece battendo l'Inter si ritrovano a tre punti dal quart'ultimo posto.
 
Il dato inconfutabile è che in un campionato così mediocre come quello di quest'anno ci sono formazioni che somigliano ad una squadra di calcio, mentre quella rosanero è simile ad una armata Brancaleone
 
Adesso l'unico alleato dei tifosi rosa è il cronometro, quello che scandisce il countdown. Il conto alla rovescia, anzi il doppio conto alla rovescia, è già iniziato. Il primo misura il tempo che rimane all'agognato passaggio di proprietà della società, nella speranza che i nuovi proprietari abbiano a cuore le sorti della squadra. Il secondo misura le giornate di campionato che mancano alla matematica retrocessione, poiché purtroppo nel calcio non è praticabile l'eutanasia che sarebbe auspicabile per una squadra in stato vegetativo probabilmente non da ora, ma da quando è stata pensata.
 
m.c

Fonte: forzapalermo.it