News

news

29/03/2018 23:10

Entella-Palermo 1-2 /LE PAGELLE: Coronado – Jajalo – La Gumina, tris d’assi

 
 
 
 




 
Il Palermo vince con merito anche se la sofferenza finale – dopo aver conquistato il 2 a 0 – doveva essere evitata. Ma i rosanero hanno chiuso la gara stremati e in fondo ci sta, avendo tirato la carretta tra infortuni e convocazioni in nazionale. La vittoria porta la firma di Coronado (assist), La Gumina (gol) e Jajalo (regia), il tris d’assi del Palermo. E continua la rincorsa al secondo posto: Empoli e Frosinone hanno vinto in casa ma adesso il Palermo ha fatto il vuoto dietro e può arrivare al secondo posto nel recupero di Parma.
 


LA CRONACA DEL MATCH


V. ENTELLA: Iacobucci 5,5; Benedetti 6, Ceccarelli 5,5, Cremonesi 5,5 (dal 28′ p.t. Aliji 6); De Santis 5,5, Ardizzone 6,5, Acampora 6 (dal 28′ s.t. Troiano s.v.), Crimi 5,5 (dal 13′ s.t. Aramu 5,5), Gatto 6,5; De Luca 6,5, La Mantia 5,5.
PALERMO: Pomini 6; Struna 6, Rajkovic 6,5, Szyminski 6; Rispoli 7, Murawski 6, Jajalo 7,5, Gnahoré 6, Rolando 6,5; Coronado 7,5; La Gumina 7,5 (dal 28′ s.t. Moreo s.v.).

Pomini 6: Stavolta è meno convincente di altre volte. Ad inizio ripresa esce fuori area per interrompere un contropiede ma è fuori tempo e gli va bene. L’ordinaria amministrazione la svolge con tranquillità.
Struna 6: Cede la zona centrale a Rajkovic ma si ambienta abbastanza presto e si rende utile quando l’Entella pressa di più. Becca un’ammonizione severa che lo condiziona nell’ultima mezz’ora ed è sfortunato in occasione del gol di Gatto.


Rajkovic 6,5: Altra buona prestazione. Una sola sbavatura nel primo tempo, quando “cicca” un rinvio servendo involontariamente un avversario. Ma ha il senso della posizione e gestisce con esperienza la sua condizione atletica.
Szyminski 6: Partita di poca sofferenza, presidia la sua zona e non trova grandi rivali. Nel finale, però, rischia di combinarla grossa, scivola e regala palla agli avversari: sul tiro rimedia Pomini.
Rispoli 7: Lo strapotere fisico è impressionante, quando taglia la fascia con la forza di un mezzofondista olimpico è una spina nel fianco avversario. Meno decisivo di altre volte in fase offensiva.
Murawski 6: Molta quantità e non altrettanta qualità. Ma tutto quello che ha lo mette in campo e riesce a spazzare via molti palloni che gravitano sul limite dell’area.

Jajalo 7,5: Si conferma leader indiscutibile della squadra, soprattutto nel primo tempo è largamente il migliore in campo, attacca e difende con la stessa intensità. Ha una condizione psicofisica straordinaria.
Gnahoré 6: Un passo indietro, fatica a trovare la posizione, gioca pochi palloni, sembra un po’ stanco. Però ha il merito di entrare nell’azione del raddoppio, il suo generoso inserimento centrale provoca l’autogol di De Santis.
Rolando 6,5: Altra prestazione positiva. La fascia sinistra è la sua posizione naturale, sta bene fisicamente e spinge l’azione offensiva con le dovute cautele, ha una buona visione tattica.
Coronado 7,5: Continua a migliorare perché fa quasi sempre la cosa più utile e quasi sempre la fa bene. Nei due gol c’è il suo zampino: l’azione che fa arrivare palla a La Gumina è sua (anche se l’assist da terra è un po’ rocambolesco) ed è lui che serve lo “scavetto” centrale per Gnahorè che porta al secondo gol.
La Gumina 7,5: Subito un tiro in porta, poi un dribbling di troppo in area. È suo il gol da attaccante vero che sblocca la gara. La Gumina segna per la terza volta consecutiva: continua la sua maturazione tattica, resta immutata la generosità atletica, diminuisce il rimpianto per la forma non smagliante di Nestorovski.
(dal 28′ s.t. Moreo) s.v.:
 
m.c

Fonte: stadionews