News

news

8/10/2017 17:17

Palermo-Parma, le pagelle: La Gumina goleador, bene i polacchi

Il Palermo gioca meglio nel primo tempo, poi cala nella ripresa e il pareggio del Parma non arriva inaspettato. Com’era già successo con l’Empoli il Palermo è partito benissimo, poi non ha saputo tenere il ritmo e quando è calato Coronado la squadra ha arretrato di parecchi metri dando spinta al Parma che però ha trovato il gol solo su calcio piazzato. Un pareggio utile, comunque, per il Palermo che resta imbattuto in una serie B ricca di colpi di scena. Da segnalare il primo gol di La Gumina che nella ripresa ha avuto anche la chance di chiudere la gara.
 
PALERMO: Pomini 6,5; Rispoli 6, Bellusci 5, Szyminski 6,5, Morganella 5,5; Murawski 6,5 (dal 28′ s.t. Fiordilino s.v.), Dawidowicz 6,5, Gnahoré 5,5; Coronado 6 (dal 41′ s.t. Monachello s.v.); Embalo 6,5 (7′ s.t. Rolando 6), La Gumina 7.
 
PARMA: Frattali 6; Mazzocchi 6, Lucarelli 6, Gagliolo 6,5, Germoni 5,5; Scozzarella 6, Barillà 5,5 (dal 39′ s.t. Scavone s.v.), Dezi 6; Di Gaudio 5,5 (dal 16′ s.t. Siligardi 6), Calaiò 6,5 (dal 41′ s.t. Nocciolini s.v.), Baraye 6. 
Pomini 6,5:
 
Una prima parata su Calaiò in cui mostra buoni riflessi, poi la grandissima parata sulla conclusione dello stesso Calaiò e per lui gli applausi convinti di tutto lo stadio. E così passa quasi sotto silenzio un’uscita alta alla… Posavec. Incolpevole sul gol di Gagliolo, provvidenziale nel recupero su Nocciolini.
Rispoli 6: Arretra di 20 metri rispetto al solito, gioca sulla linea dei difensori. L’immediato vantaggio gli consente di fare attenzione dietro più che di preoccuparsi di attaccare. Solo nel quarto d’ora finale prova a scatenare la sua forza fisica in avanti ma non incide particolarmente.
Bellusci 5: Decisamente sotto tono. Prima commette una grave disattenzione che manda al tiro Calaiò, poi si fa asfaltare in velocità da Di Gaudio e deve rimediare con una spinta da ammonizione al limite dell’area. La sua condizione atletica non è rassicurante e la difesa balla fino alla fine.
Szyminski 6,5: Svolge il suo ruolo difensivo in un altro modulo e anche stavolta se la cava egregiamente. Soprattutto nel secondo tempo fa delle buone coperture e al suo fianco oggi Bellusci non è particolarmente di aiuto.
Morganella 5,5: Più utile del solito in fase difensiva, complice anche il modulo a 4. Combatte com’è sua natura ma il suo piede è sempre troppo ruvido.
Murawski 6,5: Uomo di battaglia, le prende e le dà. Meno brillante del solito ma sempre molto positivo, soprattutto quando nella ripresa c’è da battagliare al limite dell’area sulle avanzate del Parma. Una parte del gol di La Gumina è suo perché è lui che pressa Dezi rubandogli palla.
Dawidowicz 6,5: Una delle belle scoperte della prima parte di stagione. Gioca col destro e col sinistro indifferentemente, sa difendere e impostare. Solidità assoluta. Però mezzo punto in meno perchè sul gol di Gagliolo si distrae anche lui.
Gnahoré 5,5: Meno brillante rispetto a un mese fa. Ma sembra preoccupato sopratutto di non dare spazio agli avversari, anche perché la gara si mette subito in discesa e ci sono meno esigenze offensive.
Coronado 6: Stavolta si innamora un po’ troppo del pallone ma resta sempre l’unico capace di inventare qualcosa. Sfiora il gol su una bellissima punizione. Ma uno come lui deve essere al 100% per fare la differenza, difatti nel secondo tempo praticamente scompare.
Embalo 6,5: Il suo calcio è “selvaggio”. Corre tantissimo, sprigiona forza fisica, col pallone tra i piedi è grezzo ma mette sempre ansia alla difesa avversaria. Esce per infortunio.
(Rolando 6): Quando entra lui il Parma mette in difficoltà il Palermo e Rolando viene poco servito. Dopo l’1 a 1 si fa vedere più spesso e crea qualche opportunità potenzialmente pericolosa.
La Gumina 7: Dopo 10 minuti segna il gol che lo sblocca da una situazione che poteva diventare imbarazzante. Il suo è un  gran gol, con un bel tiro in diagonale: mette lui la partita in discesa e sembra rinfrancato per tutto il resto della partita. Se avesse segnato nel secondo tempo con un bel diagonale, dopo un’azione personale, sarebbe venuto giù lo stadio.
 
m.c

Fonte: stadionews